venerdì , 24 marzo , 2017 5:16
FAB Prato
Home / .Controradio News / BOMBA FIRENZE: ARTIFICIERE INIZIA A RISVEGLIARSI

BOMBA FIRENZE: ARTIFICIERE INIZIA A RISVEGLIARSI

BOMBAIniziato il risveglio dalla sedazione per l’artificiere della polizia di Stato rimasto ferito per l’esplosione di un ordigno artigianale la mattina di Capodanno a Firenze.

Secondo quanto appreso da fonti mediche, si tratterà di un processo lento che richiederà un giorno o due, in base alla percezione del dolore dell”agente a fronte della progressiva riduzione dei sedativi. Il sovrintendente della polizia, che ha perso una mano ed è rimasto gravemente ferito a un occhio, nei giorni scorsi è stato sottoposto a due interventi chirurgici e si trova ricoverato nel reparto di terapia intensiva del Cto di Careggi. Sta rispondendo positivamente alle terapie e nei prossimi giorni i medici lo sottoporranno a un nuovo intervento di chirurgia maxillo-facciale.

Intanto sul fronte delle indagini lavoro certosino degli investigatori della polizia, a Firenze, anche sulle celle telefoniche per ”tracciare” la presenza di sospetti nella zona di via Leonardo da Vinci. L’esame dei tabulati telefonici potrebbe durare molto tempo a causa della mole di dati tra cui gli investigatori della Digos devono districarsi. Questa analisi potrebbe non essere limitata alla notte di Capodanno ma anche a tempi precedenti perché chi ha posto l’ordigno sicuramente ha fatto almeno un sopralluogo alla libreria di CasaPound. Il versante dei telefoni mobili è uno dei fronti operativi attivi e viaggia parallelo con l’esame, iniziato ieri, delle immagini riprese dalle telecamere.

In via Leonardo da Vinci e nelle strade più vicine, in realtà, non sono granché presenti sistemi di videosorveglianza e quelli che ci sono, e che chiunque può notare, darebbero comunque una visione molto limitata, parziale dello scenario in cui i responsabili dell’attentato dinamitardo si sono dovuti muovere. Non si esclude però un errore, una sottovalutazione, quindi un indizio che però potrebbe risultare decisivo.

Per procura e Digos la prima ipotesi investigativa rimane indirizzata alla matrice anarchica-insurrezionalista. Si scava in questa direzione anche perché non mancano episodi recenti. L’ultima azione rivendicata dagli anarchici a Firenze è del 21 novembre 2016 quando fu incendiato uno sportello Postamat in via Cento Stelle, vicino allo stadio Franchi.

 

Check Also

risotto-porri-fagioli-728x344

NO AL RISOTTO AI PORRI A SCUOLA: FI RACCOGLIE FIRME CON GENITORI

Firenze – Prosegue la raccolta di firme di Forza Italia  per ripristinare il menu tradizionale ...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ otto = 9

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>