sabato , 24 giugno , 2017 7:14
Francigena Melody Road

SICCITA': TOSCANA VARA PIANO STRAORDINARIO INTERVENTI

siccità

Il piano  prevede alcuni interventi in risposta all’emergenza (25 pozzi, per cui l’iter è già partito e che dovrebbero entrare in funzione nel giro di qualche settimana e un’opera irrigua per rispondere a un’esigenza immediata per l’agricoltura in Val di Cornia) e opere da realizzare nel medio e lungo periodo per garantire la risorsa idrica nelle zone con maggiori difficoltà Un piano straordinario di interventi contro la siccità, indirizzato soprattutto alle zone più colpite dalla crisi idrica. E’ quanto discusso oggi a Firenze nel corso di una riunione presieduta dal presidente della Regione Toscana Enrico Rossi per individuare le azioni in grado di fronteggiare l’emergenza siccità. Il piano  prevede alcuni interventi in risposta all’emergenza (25 pozzi, per cui l’iter è già partito e che dovrebbero entrare in funzione nel giro di qualche settimana e un’opera irrigua per rispondere a un’esigenza immediata per l’agricoltura in Val di Cornia) e opere da realizzare nel medio e lungo periodo per garantire la risorsa idrica nelle zone con maggiori difficoltà. Rossi ha inoltre annunciato l’invio al Governo della richiesta di stato d’emergenza nazionale: l’accoglimento di questa richiesta permetterebbe di avere risorse per attuare i primi interventi emergenziali e anche di ottenere le deroghe necessarie per velocizzare la loro realizzazione. L’emergenza al momento interessa in maniera più pesante l’agricoltura, soprattutto quella delle zone sud della Toscana, costa e Maremma. Per quanto riguarda invece il settore idropotabile le criticità maggiori vanno registrare all’isolad’Elba, nella Val di Cornia, nella Val di Cecina, e sull’area delle Apuane. Invece ...

Read More »

MORTO STEFANO RODOTA’, GIURISTA E PARLAMENTARE FU IL PRIMO GARANTE DELLA PRIVACY

2061633-stefanorodota

E’ morto Stefano Rodota’. Parlamentare, studioso, docente, primo presidente dell’Autorita’ Garante per la Protezione dei Dati Personali, Rodota’ aveva 84 anni. Stefano Rodotà, morto oggi all’età di 84 anni, era nato nel 1933 a Cosenza. Giurista, professore universitario, ex parlamentare, già Garante per la protezione dei dati personali, viene eletto deputato per la prima volta nel 1979 come indipendente nelle liste del Partito Comunista Italiano. Nel 1989 è nominato Ministro della Giustizia nel governo ombra creato dal Pci di Achille Occhetto e successivamente, dopo il XX Congresso del partito comunista e la svolta della Bolognina, aderisce al Partito Democratico della Sinistra, del quale sarà il primo presidente del Consiglio nazionale, carica che ricoprirà fino al 1992. Nell’aprile dello stesso anno torna alla Camera dei deputati tra le file del Pds, viene eletto vicepresidente e fa parte della nuova Commissione Bicamerale. Dal 1997 al 2005 Rodotà è stato il primo Garante per la protezione dei dati personali, mentre dal 1998 al 2002 ha presieduto il gruppo di coordinamento dei Garanti per il diritto alla riservatezza dell’Unione europea. Nel 2013 è stato candidato non eletto per l’elezione del Presidente della Repubblica. ‘Ricordo Stefano #Rodotà grande giurista, intellettuale di rango, straordinario parlamentare. Una vita di battaglie per la libertà”. Così in un tweet il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni. “Addio a Stefano Rodotà: insigne giurista, uomo delle Istituzioni, intellettuale che ha dato moltissimo al nostro Paese. Ho avuto tante volte l”occasione di incontrarlo e confrontarmi sul tema dei diritti, a lui particolarmente caro ...

Read More »

IMPRESE, ROSSI: “SOSTENERE CHI INVESTE PER CRESCITA”

Rossi migranti Rossi invisibili

“Abbiamo segno più nel mondo produttivo e manifatturiero, ma non ci sediamo.” ha detto presidente Rossi: “dobbiamo sviluppare le infrastrutture: sottopasso, nuova stazione, aereoporto e Parco della Piana.” E parte “Impresa 4.0″ “Abbiamo prodotto variazioni positive nel mondo produttivo e manifatturiero”, ma “non ci dobbiamo sedere, anzi dobbiamo guardare verso altri obiettivi, sostenendo le imprese che investono”. Lo ha detto il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, ricordando che “investimenti, formazione ed infrastrutture” sono i pilastri delle politiche di sviluppo regionale, intervenendo all’assemblea annuale di Confindustria Firenze. “Investimenti a favore del mondo produttivo e formazione sono alla base di un sistema capace di crescere”, ha affermato Rossi, “ma accanto a queste voci – ha aggiunto – devono essere sviluppate le infrastrutture. A Firenze il sotto attraversamento è partito. Verrà realizzata una stazione ferroviaria nuova collegata a quella vecchia. Adesso aspettiamo che si concluda l’iter per la valutazione di impatto ambientale dell’aeroporto. Nel frattempo abbiamo fatto partire la piantumazione del Parco della Piana fiorentina. Aspettiamo con serenità”. E intanto è partito oggi l’iniziativa a Firenze di Confesercenti Toscana “Impresa 4.0″, prendendo le mosse dalla volontà, annunciata dal ministro Carlo Calenda, di cambiare il nome del progetto da Industria 4.0 a Impresa 4.0.”E’ fondamentale lavorare per lo sviluppo di strumenti e servizi sempre più adeguati all’economia 4.0 da mettere a disposizione delle pmi di turismo e commercio”: questa la posizione di Confesercenti. Nel corso dell’iniziativa, spiega l’associazione, “è emerso che nel settore dei servizi per quanto attiene il concetto di ‘Industria 4.0′ ...

Read More »

BOLLINO ROSSO IN TOSCANA: MASSIMA ALLERTA PRONTO SOCCORSO ASL

bollino rosso allerta caldo Firenze Codice Rosso

Massima allerta nei pronto soccorso della Asl Toscana centro per il monitoraggio degli accessi dovuto al caldo afoso delle ultime settimane. E’ Bollino rosso, per Legambiente, servono piani di adattamento al clima. Nella settimana tra il 14 e il 21 giugno la percentuale di casi riferibili alle alte temperature ha oscillato tra il 5 e il 10%degli ingressi totali. Un dato, spiega la Asl, che non indica un significativo aumento rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Più a rischio, spiega il direttore del dipartimento emergenza urgenza dell’Asl centro Simone Magazzini, sono le “persone anziane, i bambini, soggetti con patologie invalidanti e chi svolge in intenso lavoro all’aperto o fa esercizio fisico”. Tra le raccomandazioni della Asl restare a casa nelle ore più calde della giornata – tra le 11 e le 17-, mantenere l’idratazione assumendo liquidi, in particolare acqua, evitando bevande molto fredde e alcolici. Privilegiare un’alimentazione ricca di frutta e verdura facendo attenzione alla conservazione dei cibi, soprattutto degli alimenti deperibili. Meglio poi indossare abiti di fibre naturali e proteggersi dal sole con dei cappelli. I condizionatori devono essere regolati in modo che la temperatura sia intorno ai 25-27 gradi centigradi. Intanto, per Legambiente ” Il clima sta cambiando, è un imperativo ripensare le politiche” afferma nel chiedere, in relazione alla siccità con tre regioni in dichiarato stato di emergenza- Toscana, Sardegna ed Emilia Romagna-“piani di adattamento al clima e misure adeguate a partire da una corretta e più intelligente gestione idrica” e sintetizza in un vademecum quelli che ...

Read More »

‘EATALY’, SI’ TOSCANA A SINISTRA: “FESTA A FIRENZE E’ REGALO A FARINETTI?”

Eataly

  E’ questa la domanda che si pone in una nota il consigliere fiorentino di Sinistra Italiana Grassi: “‘alla ‘festa del cibo di strada’ di Eataly si paga con ‘gettoni’ per eludere norme comunali, e Nardella è d’accordo.” “Da ieri pomeriggio Via Martelli è stata invasa dai banchini della ‘festa del cibo in strada’ di Eataly. Si dice che non possano aprire nuove attività commerciali nell’area Unesco ed invece qualcuno può permettersi di ampliare la propria superficie di vendita occupando suolo pubblico. Sorprendente poi scoprire che negli stand gastronomici non si paga con soldi, ma con gettoni che i clienti possono acquistare precedentemente all’interno del negozio Eataly. Si tratta dell’ennesimo regalo del Comune a Farinetti o una iniziativa commerciale autorizzata eludendo le norme comunali?” Lo dice, in una nota, il consigliere comunale di Sinistra italiana Tommaso Grassi. “Difficile capire la architettura e la strategia dei ‘gettoni’ se non con la volontà di eludere le norme sui mercati e sulle fiere e utilizzare procedure semplificate – aggiunge – Una festa in strada lunga quattro giorni da mattina a sera con cibi tutt’altro che economici: solo due piatti toscani su un totale di circa dieci piatti, ben lontano anche dal 70% richiesto per le attività commerciali in centro storico prima dell’ultimo regolamento”. “Se l’azione del Comune è quella che stiamo vedendo con Eataly quello che poteva sembrare una moratoria e uno stop al cibo in strada diventa un aiuto alla rendita di chi l’attività ce l’ha già aperta e adesso ha ancora ...

Read More »

AMIANTO, M5S TOSCANA: “DEMOLIZIONE ITI DA VINCI NON BASTA”

M5s amianto visite consiglio firenze Torselli

Per deputato Bonafede e consigliere Quartini: “ci sono ben 11 scuole Firenze con amianto, gli studenti del Da Vinci spostati in altra struttura con amianto.” Vicesindaca Giachi: “bonificheremo tutte le strutture, da M5s  solo allarmismo ingiustificato e irresponsabile.” “Da quanto siamo nelle istituzioni la battaglia per liberare gli edifici pubblici dall’amianto, e in particolare le scuole, è stata una nostra priorità. Studenti e docenti devono poter entrare a scuola senza pericoli, e se ci fa piacere che dopo tanta insistenza si demolisca la struttura in amianto dell’Iti Da Vinci, chiediamo però che prima della demolizione siano fatti sopralluoghi e campionature”. Lo ha affermato il deputato M5s Alfonso Bonfaede, intervenendo oggi sul tema dell’amianto insieme al consigliere regionale Andrea Quartini e a quello del Quartiere 4 di Firenze Giampiero Palazzo. “Segnaliamo al sindaco di Firenze che comunque la situazione amianto non si ferma all’Iti Da Vinci – ha aggiunto Bonafede -. Stamattina Nardella mi replicava in tv che sono rimaste solo due le scuole fiorentine con amianto. A noi risulta che fino a sei mesi fa fossero undici. Se in sei mesi Nardella ne ha bonificate nove ci fa piacere ma vogliamo vedere gli atti ufficiali”. Palazzo ha sottolineato che per permettere lo svolgimento dei lavori all’Iti “gli studenti verranno spostati in una struttura adiacente dove però c’è amianto. Abbiamo chiesto più volte di poter fare verifiche tramite enti terzi, ma Arpat e Comune hanno sempre parlato di misurazioni nei limiti della norma. A me il dubbio resta”. Quartini ha invece spiegato che ...

Read More »

FISCO, GUARDIA DI FINANZA: “600 EVASORI IN TOSCANA NEL 2017″

Fisco ChiantiBanca Guardia Finanza Evasori sindaco di pescia indagine lampo arrestato

Un totale di 326,5 mln di euro evasi e 650 mln redditi nascosti, questi i dati della Guardia di Finanza in occasione del suo 243/o compleanno. Il 24% dei negozianti toscani controllati non fa scontrino. Sono 600 gli evasori totali scoperti dalla guardia di finanza in Toscana nei primi cinque mesi del 2017, per un totale di 326,5 milioni di euro di base imponibile occultati. È questo uno dei dati resi noti in occasione delle celebrazioni per il 243/o anniversario della fondazione del Corpo. Complessivamente sul fronte dei controlli fiscali sono stati scoperti 650 milioni di redditi nascosti al fisco. 11.685 le verifiche eseguite su scontrini e ricevute fiscali, da cui è risultato irregolare il 24% dei soggetti controllati. Sempre nei primi cinque mesi del 2017 sono stati sequestrati beni per 30 milioni di euro al fine del recupero delle imposte evase, e avanzate proposte di sequestro per 60 milioni. Denunciate per reati fiscali 231 persone, 11 delle quali arrestate. Scoperti 149 lavoratori assunti ‘al nero’ e 110 in modo irregolare. Eseguiti 3 accessi ispettivi a 10 imprese cinesi a Prato e Firenze. Sul fronte del contrasto agli illeciti in materia di spesa pubblica, nei primi cinque mesi del 2017 sono state accertate frodi comunitarie per contributi indebitamente percepiti o richiesti per 766 mila euro. Constata l’illecita percezione o richiesta di contributi nazionali e locali per 540 mila euro e denunciate 53 persone. Nelle stesso periodo le fiamme gialle hanno individuato assegnazioni irregolari di appalti pubblici per 3,4 milioni di euro. 5 le persone ...

Read More »

SANITA': INAUGURATO NUOVO DAY HOSPITAL ONCOLOGICO A S.M. NUOVA

Santa maria nuova polo oncologico

Un day hospital ad alta specializzazione e un ‘aiuto point’ sono stati inaugurati oggi all’ospedale Santa Maria Nuova di Firenze dall’assessore regionale al diritto alla salute Stefania Saccardi, nell’ambito dei nuovi servizi dedicati ai pazienti oncologici. Prevista a breve anche l’attivazione di ambulatori multidisciplinari di day  service, organizzati all’interno del dipartimento oncologico aziendale. Il nuovo day hospital oncologico si trova nei locali al primo piano dell’ospedale, dove sono stati effettuati i lavori di adeguamento dell’impianto aeraulico, per garantire il rispetto dei requisiti normativi per la somministrazione di farmacioncologici. Nel nuovo reparto è offerto al paziente un percorso organizzato: dall’accoglienza con l”aiuto point’, agli ambulatori di day service multidisciplinare terapeutico e diagnostico, fino ai trattamenti con antiblastici complessi per via endovenosa. Grazie all’attività diagnostica interventistica ecografica di primo livello, il paziente viene inserito nel percorso assistenziale fin dal sospetto della malattia, per arrivare a una tempestiva diagnosi cito-istologica. Il nuovo day hospital è intitolato a Ilaria Meucci, oncologa scomparsa prematuramente lo scorso anno: “Sono contenta di inaugurare questo nuovo servizio dedicato a Ilaria – ha affermato l’assessore Stefania Saccardi -, quando era assessorein Comune venne a chiedermi di realizzarlo, è così che l’ho conosciuta, questa è la sua idea, la cosa per cui si è battuta di più.” Al momento nell’ospedale di Santa Maria Nuova sono stati ristrutturati complessivamente 21 mila metri quadrati di locali. Proseguono i lavori di realizzazione del nuovo blocco operatorio, la cui attivazione è prevista per la primavera del 2018.

Read More »

SINDACO PIETRASANTA PARCHEGGIA IN SOSTA VIETATA E SI AUTODENUNCIA

mallegni

Un’email singolare quella arrivata questa mattina al comando di polizia municipale di Pietrasanta (Lucca): il sindaco Mallegni si è autodenunciato per parcheggio in sosta vietata. “Sindaci e amministratori devono dare l’esempio, ho già pagato la multa.” Tolleranza zero: Anche se l’auto parcheggiata in divieto di sosta è quella del primo cittadino che, in questo caso, si è autodenunciato. Autore dell’autodenuncia il primo cittadino di Pietrasanta (Lucca), Massimo Mallegni. La multa non era stata rilevata dagli ausiliari del traffico ne’ dalla polizia municipale ma il sindaco Mallegni ha inviato, di prima mattina, una email al comando della polizia municipale di Pietrasanta, per autodenunciare l’infrazione. “Sindaci ed amministratori dovrebbero sempre dare l’esempio. Ho parcheggiato in divieto di sosta, anche se la ragione è prettamente istituzionale dovendo portare manifesti e programmi per l’evento Dap (un evento culturale in corso, ndr) e anziché tornare a spostare l’auto, per la quale ho regolare permesso di accesso in centro storico, l’ho lasciata in una strada del centro dove non c’erano gli stalli per parcheggiare. Voglio pagare la multa. Mi pare un comportamento corretto. Mi sono autodenunciato alla Polizia Municipale e ho già pagato”. L’input alla tolleranza zero era arrivato proprio da Mallegni. “Il divieto di sosta fuori dagli stalli vale per tutti, anche per me che sono il primo cittadino ma sono anche, e prima di tutto, un cittadino come tutti gli altri e non trovo giusto e corretto abusare di questo ruolo. Ho pagato la sanzione perché credo che sia giusto dare un segnale di ...

Read More »