sabato , 24 giugno , 2017 7:12
Skyline San Gimignano
Home / .Controradio News / RIGNANO (FI): COSTRUTTORI PERQUISITI PER BANCAROTTA

RIGNANO (FI): COSTRUTTORI PERQUISITI PER BANCAROTTA

ACCORDO GDF PALAZZO BVECCHIO PER LOTTA EVASIONEPerquisizioni della Guardia di Finanza oggi sono state ordinate dalla procura di Firenze anche per ipotesi di bancarotta nell’ambito della stessa inchiesta per reati fallimentari e fiscali su cui si sta indagando da qualche tempo e per cui, sempre oggi, ci sono state altre perquisizioni per l’utilizzo di fatture fiscali.

Risultano indagati, in concorso fra loro, per bancarotta e per ricorso abusivo al credito, l’imprenditore A. B., socio a larga maggioranza della Coam Costruzioni di Rignano sull’Arno, e l’amministratore della stessa Coam. La bancarotta sarebbe relativa, secondo ipotesi investigative, a una distrazione patrimoniale su cui la Gdf sta svolgendo accertamenti. Il ricorso abusivo al credito è altra accusa che riguarda la presentazione, sembra a più banche, da parte di Coam di fatture emesse per operazioni inesistenti nonostante lo stato di insolvenza emerso negli ultimi mesi. Per la Coam, infatti, la procura ha già proposto istanza di fallimento ma la decisione è ”sub judice” alla sezione fallimentare del tribunale di Firenze. E comunque i soci dell’azienda di Rignano hanno ”risposto” con una richiesta di concordato, già avanzata ”in bianco”, che verrà perfezionata nel dettaglio con scadenza al prossimo 21 gennaio. Anche per questo, oggi, le perquisizioni alle abitazioni e alle aziende  sono durate a lungo: agli indagati, si apprende in ambiente legale, è stato concesso di far copia dei documenti sequestrati per poter predisporre lo stesso concordato, essendo pochi i giorni che mancano alla scadenza per presentarlo al tribunale.

Check Also

M5s amianto visite consiglio firenze Torselli

AMIANTO, M5S TOSCANA: “DEMOLIZIONE ITI DA VINCI NON BASTA”

Per deputato Bonafede e consigliere Quartini: “ci sono ben 11 scuole Firenze con amianto, gli studenti ...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− 5 = zero

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>