LA STREET ART IN SEMINARIO A FIRENZE

LA STREET ART

?Diretta dal  seminario “Faccia al muro: l’Arte urbana e la città” al DIDA – Dipartimento di Architettura nel complesso dell’ex convento di Santa Verdiana, Firenze.

La Street Art, nata a New York tra la fine del 1960 e i primi anni del 1970 sotto forma di graffiti,  nel giro di qualche decennio si è diffusa nel mondo, imponendosi per la capacità di innovazione stilistica, varietà espressiva, potenza del messaggio: Keith Hering, Jean-Michel Basquiat, Banksy, fanno ormai parte della storia di un’arte contemporanea che dalla preistoria giunge al muralismo messicano di Orozco, Siqueiros, Rivera.
Nonostante questo, le opinioni oscillano da giudizi entusiastici a valutazioni negative: c’è chi l’artista lo vuole davanti a un muro a dipingere la sua opera, e chi dietro a quel muro lo metterebbe in punizione. La posizione è identica, cambia la prospettiva di chi osserva e giudica, obbligato suo malgrado  faccia al muro.
Da qui il titolo del seminario. Il sottotitolo rimanda al rapporto, talora ambiguo come dimostrano i recenti fatti di cronaca registrati sia a Bologna che a Firenze, tra la città e l’Arte urbana che, caratterizzata da una molteplicità di strumenti, di tecniche e di forme espressive, si configura come fenomeno artistico dinamico e complesso, spesso oggetto di interpretazione e di attenzione tendenti più a preconfezionare l’opinione che a sollecitare il pensiero critico e il giudizio consapevole.

Faccia al muro: l’Arte urbana e la città” mette a confronto una pluralità di punti di vista, affiancando agli accademici, ai galleristi e ai curatori, gli artisti stessi, per condividere con la città conoscenze, esperienze e saperi funzionali ad una corretta informazione.

Il seminario è la continuazione di un percorso iniziato con la mostra La Terra Guasta. T. S. Eliot e la Street Art, accolta dalla Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze dal 21 novembre al 5 dicembre 2015. L’incontro tra questa forma d’arte ed Eliot, premio Nobel per la letteratura, ha dimostrato le qualità e l’eccezionale capacità interpretativa di artisti spesso liquidati come ‘imbrattamuri’. L’ininiziativa rientra inoltre nel ciclo di incontri organizzati da ARCHI-TÉ incontri trasversali – Biblioteca di scienze tecnologiche-Architettura – Università di Firenze, ed è a cura di Raffaella Ganci in collaborazione con Nodump, Progeas Family, Riot Van, Three Faces.

La diretta del nostro inviato Gimmy Tranquillo che ha intervistato un esponente del collettivo Guerrilla Spam

diretta gimmy tranquillo street art

 

Commenta la notizia

avatar
wpDiscuz